Truffatori on line

(articolo del 2/3/2002)


Attenti a Francesco di http://www.reptilhouse.supereva.it (il link non Ŕ attivo perchŔ non mi sembra il caso di pubblicizzarli, ed inoltre hanno molti redirect e cloni del sito su altri spazi free)


Questo purtroppo non Ŕ un semplice mugugno, ma un vero e proprio avviso. Il sedicente sito Reptilhouse (nota bene: esiste un vero sito registrato di nome Reptilhouse assolutamente onesto e ignaro di tutto!) si spaccia per un allevamento di rettili che in realtÓ non esiste: un certo Francesco ha accettato ordini di animali che non era in grado di recapitare (c'Ŕ chi ha perso sommette come 250 euro in cambio di "nulla", salvo vedersele rimborsate mesi dopo con la scusa che si "trattava di uno scherzo"!).
Se questo non bastasse gli stessi individui avevano scaricato tutte le schede del mio sito, della rivista rettili di serpenti.it, di rettili.net e dell'italian chamaeleon network spacciandole come la "loro enciclopedia" in PDF!
Per trarre in inganno i visitatori avevano aggiunto al loro sito i banner della rivista reptilia e della zoomed, senza che i titolari ne fossero al corrente (ho controllato personalmente contattando Dino Schiff. Il loro sito non contiene una sola pagina originale hanno addirittura copiato la pagina di grillivivi.it spacciandosi anche per distributori di cibo vivo!

Le lettere di diffida che hanno ricevuto sono state volutamente ignorate per cui, con Davide di serpenti.it abbiamo organizzato una vera e propria opera di "rimozione" informando voi tutti di quello che sta accadendo (almeno non potranno pi¨ truffarvi), richiedendo a supereva di chiudere il sito (essendo una registrazione free dovrebbe essere una via rapidamente praticabile) e restando aperti ad una vera e propria azione legale nel caso di recidivanza.
Resta il fatto che la miglior rappresaglia sarÓ la vostra diserzione dai loro siti: se nessuno li visiterÓ pi¨ saranno "morti" fin da oggi.


Prendendo spunto da questo increscioso episodio, come norma generale, consiglierei a tutti, prima di effettuare acquisti on line, di seguire alcune semplici regole di "prevenzione: Con tutto ci˛ resta il fatto che prima di questo deprecabile episodio la comunitÓ degli appassionati era costituita solo da persone di cui ci si poteva fidare senza alcun controllo. Anche se sono convinto che questi furbastri (o forse solo sprovveduti) non possano essere in alcun modo definiti degli appassionati, Ŕ un vero peccato che, con il loro operato, abbiano instillato in noi tutti il sospetto. Speriamo che simili episodi non si ripetano pi¨!


Torna all'Index